ELETTRONICA FoamCutCNC

Va abbinata al programma di controllo macchina DevCncFoam 

Permette il controllo di una macchina a 5 assi (4 assi più tavola rotante), ed è completa di tutta la sezione controllo riscaldamento filo.

FoamCutCNC_3.JPG
elettronica_prima_dopo.png

I vantaggi di questa scheda sono:

  • 5 assi

  • Possibilità di montare i driver standard usati nelle stampanti 3D,  vedi DRV8825, A4988, LV8729, TMC2130, TMC2225 e diversi altri, tutti facilmente sostituibili in caso di guasto.

  • Si può montare Arduino Mega 2560 oppure Arduino Mega 2560 Embed (come nella foto), anche queste schede Arduino sono facilmente sostituibili grazie alla zoccolatura.

  • Finecorsa optoisolati a 12 V sui 4 assi, evitando falsi segnali per la lunghezza dei cavi.

  • Sezione controllo temperatura filo mediante sistema a PWM gestito da un PIC programmato

  • Buzzer di segnalazione acustica filo in riscaldamento (disinseribile mediante un jumper)

  • Led di segnalazione visiva filo in riscaldamento

  • Possibilità di avere la doppia alimentazioni per i motori e per il filo nel caso la tensione di alimentazione del filo superi la massima tensione di lavoro degli stepper drivers, o alimentazione singola unificata.

  • Riduttore di tensione buck 12V, inserito come modulo, per la sezione optoisolatori finecorsa

  • Fusibile per filo e fusibile alimentazione motori

  • Ventola di raffreddamento da 90 mm

  • Pannello di controllo temperatura filo con visualizzazione tensione alimentazione filo e assorbimento corrente

  • Variazione della temperatura filo mediante due pulsanti, memorizzazione valori massimo e minimo e rest valori, il valore settato rimane in memoria anche dopo spegnimento scheda

  • Deviatore per funzionamento controllo filo in automatico o in manuale

  • Riscaldamento in manuale del filo anche senza collegamento del computer, utile per pulizia e verifica temperatura del filo

  • Led di segnalazione sistema acceso
     

La cosa più vantaggiosa di questa scheda, è l’eliminazione quasi totale di cavi di collegamento tra connettori, scheda, Arduino, finecorsa, evitando il più possibile errori di collegamento, falsi contatti e possibili rotture dei moduli drivers e della stessa scheda Arduino, anche il pannello di controllo, separato dalla scheda madre, ne permette un facile posizionamento in un box metallico